Raccolta premi assicurativi 2021

Raccolta premi 2021: un anno in crescita per le assicurazioni

In evidenza il comparto Crediti e Cauzioni, con una crescita a doppia cifra (+11,5%), riconducibile a una crescente attenzione delle imprese a una corretta gestione dei crediti commerciali e alla prevenzione del rischio insolvenze in un contesto di crisi.

 

 

L'ANIA ha reso noto i dati sulla raccolta premi 2021, rilevando una crescita pari al 3,8% rispetto al 2020, soprattutto grazie alle polizze Vita e al ramo Danni "non auto". Il settore assicurativo ha dunque recuperato il calo registrato nell'anno dello scoppio della pandemia da Covid-19 (-3,9%). Andando poi ad analizzare nel dettaglio i diversi rami, si rilevano aumenti sopra la media nei rami Incendio, Altri danni ai beni, Corpi veicoli terrestri, Tutela legale, Credito e Cauzioni. Le ragioni della crescita in questi ultimi due settori sono certamente da ricercare anche nella fase storico-economica che imprese, professionisti e famiglie stanno attraversando e che stanno incrementando la consapevolezza circa la necessità di maggiori tutele.

Raccolta premi 2021: il settore assicurativo torna a crescere dopo la pandemia

La raccolta complessiva delle imprese di assicurazione nazionali e delle rappresentanze per l’Italia di imprese extra-europee ha superato i 140 miliardi di euro. In un 2021 che ha visto il PIL al +6,6% in termini reali, il settore assicurativo è stato trainato dai premi dei rami Vita (+4,5%) e da quelli dei rami Danni diversi dalla RC Auto (+5,6%). In controtendenza invece l‘RCA, che ha subito un calo del 4,5%.
La raccolta premi totale ha inciso sul PIL per il 7,9%, con le polizze Vita che sulla base dei dati trimestrali di Bankitalia rappresentano il 18% dello stock di attività finanziarie delle famiglie italiane.

 

tabella ANIA - raccolta premi assicurativi 2021 - premi vita e danni

 

Ramo danni "non auto": un 2021 in netta crescita

Andando nel dettaglio dei dati ANIA sulla raccolta premi 2021, si rileva che i rami Danni crescono dell’1,8% rispetto al 2020 per un volume di 34,1 miliardi. Rami che tornano in questo modo a un volume di raccolta uguale a quello registrato nel 2019.
Tuttavia occorre osservare, come già anticipato, che questo dato si compone di due tendenze diametralmente opposte:

  • un marcato calo dei premi del ramo R.C. Auto (-4,5%);
  • un aumento significativo dei premi negli altri rami Danni (+5,6%).

Venendo a questa seconda componente, la crescita dei premi è da collegare alla ripresa economica generale e all'offerta di assicurazioni e broker sempre più innovativa e al passo con le esigenze dei clienti. L'aumento ha riguardato tutti i rami, in particolare segnaliamo quelli sopra la media:

  • Incendio (+5,7%);
  • Altri danni ai beni (+6,3%);
  • Corpi veicoli terrestri (+6,5%);
  • Tutela legale (+7,7%);
  • Credito e Cauzione (+11,5%).

In crescita ma con tassi inferiori alla media risultano invece i rami Infortuni (+3,4%), Trasporti (+5,0%), RC generale (+5,2%), Malattia (+5,4%), Perdite pecuniarie (+5,5%), Assistenza (+5,6%).
Il peso della raccolta Danni sul PIL è pari all’1,9% nel 2021, appena inferiore al dato rilevato per il 2020.

 

Crediti commerciali

C'è un ramo che ha visto una crescita a due cifre della raccolta premi: Credito e Cauzione, con il +11,5%. In questo caso la crescita è da attribuire a un fattore in più rispetto a quelli analizzati fin qui. Pandemia prima e venti di guerra poi, hanno mostrato in maniera anche dolorosa alle imprese quanto la gestione del credito e la protezione del cash flow presente e futuro siano vitali per una prosecuzione dell'attività.
Dotarsi di un'assicurazione Crediti Commerciali comporta notevoli vantaggi, in particolare:

  • previene il rischio di insolvenza grazie all’attenta selezione della clientela e protegge l’impresa dalle perdite sui crediti;
  • incrementa l’attività ampliando il parco clienti;
  • consente un attento monitoraggio del portafoglio clienti;
  • elimina la necessità di garanzie aggiuntive;
  • migliora la qualità dei crediti a bilancio e, quindi, del capitale circolante;
  • accelera il processo di incasso e recupero del credito e riduce i fondi di svalutazione.

Il processo di gestione del credito, che con Assiteca va ad integrare la polizza crediti tradizionale, consente all’azienda assicurata di beneficiare di tre servizi, diversi tra loro, nell’ambito dello stesso contratto: valutazione preventiva dei debitori, assicurazione dell’insolvenza, recupero dei crediti.

Dotarsi di adeguate tutele assicurative, in generale, non solo garantisce il patrimonio aziendale e/o personale, ma consente di lavorare ad una seria mappatura dei rischi che può portare anche a scelte organizzative volte all'ottimizzazione delle risorse. Su questo fronte il ruolo consulenziale del broker diventa la chiave per conseguire un vantaggio competitivo, soprattutto nella fase storico-economica che stiamo attraversando.

 

Tutela legale

La Tutela legale figura tra i rami che hanno registrato la crescita maggiore nel 2021, in termini di raccolta premi, con il +7,7%. Al di là del dato legato alla ripresa post pandemica, questo incremento sopra la media, che ricordiamo per il ramo Danni "non auto" è pari al 5,6%, mostra un'accresciuta sensibilità su una copertura che riguarda tutte le tipologie di assicurati: imprese, professionisti e famiglie.
La polizza di Tutela legale consente infatti di servirsi di consulenza e assistenza legale sia nel caso in cui si renda necessaria per ottenere un risarcimento danni da terzi, sia nel caso in cui sia l'assicurato ad essere chiamato in causa per danni arrecati a terzi.

Se poi prendiamo in considerazione il mondo delle imprese, il ventaglio di tutele necessarie si allarga dal momento che l'operatività di un'azienda comporta una serie di rischi e di soggetti che possono correrli, dal titolare ai suoi familiari, passando per dipendenti, collaboratori, praticanti e stagisti. Una polizza Tutela legale comporta l'accesso gratuito, a fronte del versamento del relativo premio, a consulenza e assistenza legale necessarie alla composizione amichevole o a seguito di procedimenti civili, penali o amministrativi.

Per le imprese la polizza Assiteca offre:

  • tutela legale in caso di procedimento penale connesso alla propria attività, ad esempio nel caso di un infortunio sul lavoro;
  • assistenza per ottenere il risarcimento dei danni subiti;
  • difesa legale per controversie contrattuali con fornitori, dipendenti o clienti;
  • difesa contro sanzioni amministrative ingiuste;
  • copertura dei danni causati a terzi, a integrazione della polizza di Responsabilità Civile.

 

COMPILA IL MODULO PER RICHIEDERE INFORMAZIONI