Gestione Sinistri aziendali

La gestione di un sinistro in azienda: trasformare un incidente in un’opportunità

Un qualsiasi evento dannoso può mettere seriamente in crisi il normale svolgersi delle attività aziendali. Occorre sapere quali procedimenti mettere in atto per gestire la crisi e minimizzare l’impatto che ogni sinistro comporta.

 

Prevenire gli eventi dannosi costituisce solo una parte della gestione dei rischi d’impresa. Se, nonostante le attività di prevenzione, si verifica un sinistro, l’azienda deve sapere come affrontare il momento critico e come sfruttare a proprio vantaggio l’incidente.

Il 16 luglio potrai assistere gratuitamente a un incontro online in cui introdurremo le modalità di sviluppo delle pratiche di sinistro. Spiegheremo inoltre:

  • Caratteristiche, modalità e finalità di una gestione corretta ed efficiente;
  • Il servizio urgente di salvataggio;
  • Le perizie contrattuali di parte;
  • Le attività di bonifica e risanamento.

 

Logo Assiteca Academy

16 luglio 2019 - WEBINAR GRATUITO

"La gestione dei sinistri in azienda: le perizie di parte, i servizi di salvataggio, bonifica e risanamento"

Scopri i prossimi appuntamenti di Assiteca Academy

Abbiamo spiegato cosa si intende per gestione dei sinistri (Claims Management) in un precedente articolo. Vediamo qual è il migliore approccio per affrontare il verificarsi di un evento avverso in azienda.

Una puntuale ricostruzione dei fatti accaduti, una corretta valutazione delle polizze assicurative interessate, una stima dettagliata degli effetti economici del sinistro, la rapida organizzazione degli interventi di contenimento e di ripristino dei danni per una sollecita ripresa dell’attività sono i primi passaggi fondamentali per minimizzare l’impatto economico e gestionale che ogni sinistro comporta.

È ugualmente importante condurre un’efficace negoziazione con gli incaricati degli assicuratori o con altri soggetti coinvolti nelle varie attività post-sinistro.

La priorità assoluta è quella di ottenere un indennizzo adeguato in tempi solleciti.

In seconda battuta, risulta importante anche sfruttare l’evento negativo per valutare la validità e la funzionalità dei sistemi di prevenzione e di contenimento posti a supporto e integrazione dello strumento assicurativo. Un sinistro rappresenta infatti il momento di verifica più immediato dell’adeguatezza delle misure di sicurezza e della “rete di protezione” assicurativa predisposte a tutela dei beni e del patrimonio colpiti e può essere un’occasione di miglioramento delle capacità e della resilienza aziendali.

Per questo, occorre affrontare l’evento “sinistro” con un approccio interdisciplinare attento a tutte le dinamiche interne ed esterne e a tutti i processi produttivo/gestionali coinvolti.

L’iter di istruzione e liquidazione del sinistro deve procedere il più rapidamente possibile: occorre avere una buona conoscenza di tutte le tipologie di coperture assicurative oggi reperibili sul mercato per assicurarsi un adeguato indennizzo.

Analisi del sinistro

La prima fase del processo di claims management vede lo svolgimento delle attività peritali e un’analisi dell’evento sinistroso, sulla base della quale vengono identificate le coperture assicurative da attivare.

Valutazione dell’impatto e documentazione

Deve essere poi predisposta la documentazione istruttoria necessaria: in questa fase è utile una consulenza tecnico-estimativa in materia di liquidazione e una consulenza di tipo legale.

In parallelo, deve essere valutato l’impatto del sinistro sui beni e sulle attività dell’impresa, con una stima degli asset aziendali.

E’ fondamentale l’attività negoziale con gli incaricati dell’assicuratore, e/o con altri soggetti interessati, volta alla quantificazione e liquidazione dell’indennizzo.

Attività di ripristino e contenimento dei danni

Rimane essenziale identificare al più presto gli interventi specifici volti a contenere l’impatto del sinistro e i suoi riflessi sulla prosecuzione dell’attività.

Bisogna organizzare le corrette attività di recupero in caso di sinistri attivi.

A seconda del tipo di sinistro, possono essere necessarie attività di salvataggio, bonifica e risanamento.

Ecco alcuni esempi di attività che potrebbero rivelarsi necessarie:

MESSA IN SICUREZZA E RINFORZI STRUTTURALI

Se vengono rilevati danni strutturali, occorrerà organizzare degli interventi finalizzati a salvaguardare l'incolumità delle persone e mantenere l'integrità del fabbricato. Potrebbero essere necessarie alcune attività propedeutiche alla ricostruzione e risanamento dell'immobile, come opere di puntellamento, prove di carico, consolidamento statico, smassamenti, coperture provvisorie a protezione di tetti crollati.

DEMOLIZIONE E SGOMBERO

Potrebbero essere necessario demolire o rimuovere le strutture pericolanti o comunque compromesse, per liberare l'immobile da ciò che è stato danneggiato in modo irreparabile.

RECUPERO E LIMITAZIONE DEI DANNI

In molti casi sono necessari interventi atti a bloccare lo stato di degrado e corrosione, attraverso l'utilizzo di specifici oli filmanti e adeguate opere di deumidificazione. Limitare i danni provocati da un sinistro è fondamentale per arrestare il processo corrosivo e per limitare i costi del recupero.

Potrebbero servire anche interventi di bonifica, deumidificazione, asciugatura controllata, per evitare i danni causati da umidità, perdite, muffe, infiltrazioni.

SALVATAGGIO ARCHIVI CARTACEI

Gli archivi cartacei sono ancora un patrimonio per aziende, enti pubblici ed esercizi commerciali. Se vengono intaccati da un bagnamento o da un incendio, in molti casi è possibile garantirne comunque la leggibilità. A questo fine, esistono diverse tecniche, che vanno dall'asciugatura alla pulizia manuale e al processo di crioliofilizzazione, che eliminano acqua, parassiti, muffe, funghi, polvere e fuliggine.

RECUPERO DATI INFORMATICI

Le informazioni raccolte sotto forma di dati informatici sono ormai tra le maggiori fonti di ricchezza per le aziende in qualsiasi settore. Dopo un'attenta analisi dell'hardware, tecnici specializzati sono spesso in grado di recuperare i dati e di trasferirli su un diverso supporto elettronico.

COMPILA IL MODULO PER RICHIEDERE INFORMAZIONI