welfare aziendale Assolombarda

Welfare aziendale: aumenta il budget a disposizione dei lavoratori

Il Rapporto Welfare 2019 del Centro Studi Assolombarda registra un continuo sviluppo del welfare aziendale: ad aprile, gli accordi depositati presso il Ministero del Lavoro che prevedono misure di welfare hanno raggiunto il 52% del totale, in crescita rispetto al 33,5% di dicembre 2017.

 

I piani di welfare aziendale sono ormai una risorsa fondamentale su cui le famiglie fanno affidamento. Stando al nuovo Rapporto dell’Osservatorio Welfare Assolombarda, il welfare aziendale è essenziale per garantire anche la tenuta del sistema pubblico, che da solo non è più in grado di fornire servizi adeguati alle esigenze di cittadini e lavoratori.

Ad aprile 2019, gli accordi depositati presso il Ministero del Lavoro che contengono misure di welfare hanno toccato il 52% del totale, in aumento rispetto al 33,5% di dicembre 2017.

Sono cresciute la spesa in welfare delle aziende e il budget a disposizione di ogni lavoratore. Tra le misure di welfare offerte spiccano i contributi a scuola e istruzione, i fringe benefit, la previdenza, l’assistenza sanitaria e l’area culturale/ricreativa.

Sempre più welfare negli accordi aziendali

Il Rapporto 2019 sul Welfare dell’Osservatorio Assolombarda raccoglie i dati sulla contrattazione circoscritti all'area di Milano, Monza Brianza e Lodi, che aggiungono dettagli importanti all’indagine nazionale.

Dagli accordi, aziendali o territoriali, risultano 11.023 dichiarazioni di conformità riferiti a contratti attivi, di cui 9.391 contratti aziendali e 1.632 contratti territoriali.

L’elaborazione dei dati ufficiali del Ministero del lavoro condotta dal Centro Studi Assolombarda mostra che in Lombardia si concentrano oltre 3 mila di queste dichiarazioni (3.034, di cui 2.820 contratti aziendali e 214 territoriali).

Si tratta di indicatori parziali, perché tengono conto solo delle iniziative formalizzate in accordi depositati, ma dimostrano che il fenomeno del welfare aziendale in Italia è in pieno sviluppo.

contratti welfare nazionali

 

Degli 11.023 contratti attivi, 8,814 si propongono di raggiungere obiettivi di produttività, 6.478 di redditività, 5.481 di qualità, mentre 1.479 prevedono un piano di partecipazione e 5.733 prevedono misure di welfare aziendale.

La diffusione del welfare aziendale tra gli accordi che contengono istanze di premio ha quindi raggiunto un tasso di diffusione del 52%, dal 33,5% rilevato a dicembre 2017, evidenziando una significativa crescita.

Sempre più spesso, si sceglie di finanziare le misure di welfare convertendo parte del premio di risultato e integrando un importo fisso destinato a welfare.

Aumentano le risorse per i lavoratori

Nel 2018, si spende in welfare il 7,5% in più rispetto all'anno precedente, 600 euro rispetto ai 558 rilevati nel 2017.

Considerando che l’importo speso nel 2018 rappresenta poco più del 66% del budget totale assegnato al welfare, in lieve calo rispetto al 70% registrato nel 2017, cresce del 14,1% il budget totale a disposizione di ogni lavoratore: da 797 euro del 2017 a 909 euro nel 2018.

I servizi di welfare aziendale più richiesti

Tra le misure di welfare offerte ai lavoratori arretra la ristorazione a favore del supporto all’istruzione, che assorbe quasi il 40% degli acquisti contabilizzati dai provider. Seguono per importanza i fringe benefit (20%), previdenza (15%), assistenza sanitaria (13%) e area culturale/ricreativa (11%).

Il welfare per settori in Assolombarda

L’osservatorio indaga la diffusione di welfare anche sui diversi settori di produzione. Tra i 127 accordi stipulati negli ultimi 3 anni nell’area campione presa ad esame (Milano, Monza Brianza e Lodi), quelli in vigore al 31 dicembre 2018 sono 110, concentrati soprattutto su aziende che applicano il CCNL chimico-farmaceutico (42), metalmeccanico (27), contratti vari (22) e CCNL alimentare (17).

Escludendo i 22 contratti aggregati, tra i tre comparti in cui si concentra il maggior numero di accordi si rileva il tasso di diffusione del welfare più elevato nel chimico-farmaceutico: 64,3%, su una media del triennio di 61,8%. Nel settore metalmeccanico il welfare arriva a sfiorare una percentuale del 56% e nell’alimentare del 53%.

Più Welfare nell'area milanese

L’Osservatorio sugli accordi stipulati in Assolombarda mostra inoltre il trend sugli anni 2016, 2017 e 2018, dal quale emerge una percentuale di accordi con contenuti di welfare nell’area milanese (55,4%) più alta rispetto alla media nazionale (52%).

Welfare Assolombarda 2019 accordi

Tutte le imprese sono comunque sempre più consapevoli dei vantaggi offerti dall’implementazione di piani welfare, come emerso anche nel Welfare Index 2019.

COMPILA IL MODULO PER RICHIEDERE INFORMAZIONI