Attacchi informatici

Assiteca Sicurezza Informatica su Radio Montecarlo

A Radio Montecarlo gli scorsi 12 e 13 gennaio è intervenuto Guido Mondelli, amministratore di Assiteca Sicurezza Informatica e uno tra i massimi esperti di cyber security. La sicurezza da intrusioni digitali è questione che riguarda tutti: dalle singole persone alle aziende, di qualsivoglia dimensione. Per Mondelli sono necessarie la formazione e la fiducia delle istituzioni.

Ascolta l'intervista del 12 gennaio 2017 andata in onda su Radio Montecarlo all'interno del TG delle ore 13.00

Ascolta l'intervista del 13 gennaio 2017 andata in onda su Radio Montecarlo all'interno dell'approfondimento mattutino delle ore 6.30

 

Sicurezza Informatica

La Cyber Security nell’era dell’Innovazione Digitale

Cyber security, attacchi informatici, hacker. Cresce la necessità di essere informati e di capire come potersi difendere.

Lo dimostrano anche le ricerche condotte su Google: negli ultimi 10 anni sono cresciute del 770% le richieste di informazioni relative agli hackeraggi e del 550% quelle su come modificare le proprie password, così che siano più sicure.

La posta in gioco è decisamente alta, soprattutto per le aziende: basti pensare che nel 2015 i danni reputazionali conseguenti ad attacchi informatici hanno generato perdite per  9 miliardi di euro.

Come tutelarsi?

Gabriele Giacoma, amministratore delegato di Assiteca Sicurezza Informatica,  ha affrontato la complessa questione del cyber crime soprattutto alla luce della Digital Transformation nel sistema industriale italiano.

Ai microfoni di Fabbrica 2.4, trasmissione condotta da Filippo Astone su Radio24, ha ricordato come sia oggi fondamentale occuparsi simultaneamente dei tre livelli di sicurezza informatica: fisica, logica e organizzativa.  Difendere le reti, testare i sistemi informativi con appositi servizi quali il Vulnerability Assessment e il Penetration Test per capire quanto siano vulnerabili,  e fare formazione per poter riconoscere i rischi. Il ricorso a polizze Cyber, che coprono i danni materiali e immateriali, come ad esempio la perdita di dati causata da virus, e la Responsabilità Civile verso terzi, dai clienti ai fornitori, è un ulteriore tutela per qualsiasi azienda.

Trascurare anche uno solo di questi aspetti può causare, in caso di attacco informatico, l’uscita dal mercato nell’arco di soli 3 anni.

La sfida dell’Innovazione Digitale pone quindi le imprese italiane di fronte ad un nuovo rischio. Di Cyber Security  si parlerà anche nel corso del convegno e dell’evento di premiazione della VII ed. del Premio Assiteca - Innovazione Digitale il prossimo 26 gennaio presso la sede del Sole 24 Ore a Milano, dove verranno decretate le imprese vincitrici fra le 26 finaliste.

Durante l'incontro Raffaello Balocco, Responsabile Scientifico degli Osservatori Digital Innovation della School of Management del Politecnico di Milano, illustrerà i risultati dell’indagine che si è posta l'obiettivo di mappare lo stato di diffusione dell’innovazione digitale tra le imprese italiane, individuare i migliori progetti e sondare i modelli di governance e gestione del rischio che sono stati adottati.
Interverrà inoltre Salvatore Majorana - Direttore del Technology Transfer dell’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT).

Carrie Fisher

La polizza della Principessa Leila

Potrebbe essere la richiesta di risarcimento più alta mai chiesta nell’industria per un incidente personale. Secondo quanto riportato  da The Insurance Insider, la morte dell’attrice Carrie Fisher costerebbe ai Lloyds’, storica compagnia assicurativa britannica, ben 50 milioni di dollari.

La Disney, proprietaria della Lucasfilms e di tutti i prodotti a marchio Star Wars, aveva infatti sottoscritto con i Lloyds' una polizza assicurativa per l’attrice diventata celebre in tutto il mondo per il personaggio della principessa Leila.

L’assicurazione era stata sottoscritta contestualmente al contratto firmato dalla Fisher per tutelare la Disney qualora l’attrice, 60 anni e un passato non sempre facile caratterizzato da un disturbo bipolare dell’umore e dall’utilizzo di droghe, non fosse riuscita a portare a termine la lavorazione degli ultimi tre episodi della serie creata nel 1977 da George Lucas. La Disney riceverà quindi una somma consistente, a risarcimento della perdita della propria protagonista e della necessità di rivedere i progetti per i prossimi episodi. L'evento è piuttosto comune a Hollywood, così che le case di produzione siano tutelate qualora agli attori capiti qualcosa o si rifiutino di portare a termine i propri impegni.

Carrie Fisher, che era tornata nei panni dell'indimenticabile principessa Leila nel 2015 con "Il Risveglio della Forza", era riuscita completare le scene previste anche per l’Episodio VIII, che dovrebbe uscire negli Stati Uniti a fine 2017. Per l’Episodio IX, invece,  l’attrice dovrà essere sostituita o dovrà essere rivista la sceneggiatura, considerando che proprio la principessa Leila avrebbe dovuto avere una parte rilevante nella saga stellare.

 

Welfare aziendale - Employee benefits

Welfare aziendale, le PMI sempre più coinvolte

Chi l’ha detto che il welfare aziendale è affare solo di grandi aziende con più di 250 dipendenti o multinazionali? Sono sempre più numerose le Piccole e Medie aziende che credono nel welfare aziendale e scelgono di adottare piani per i propri dipendenti. Va ricordato che gli employee benefits sono sempre percepiti in maniera molto positiva da tutti i lavoratori e hanno anche il vantaggio di fidelizzarli all’azienda.
Ecco perché per il 78% delle PMI il welfare aziendale rappresenta un’opportunità, il 15% non si esprime e il 7% non lo ritiene invece utile. E’ quanto emerge dall’indagine condotta da Doxa-Edenred sullo stato del welfare aziendale nel nostro paese.

L’entusiasmo che si registra negli ultimi mesi non cancella però le difficoltà riscontrate nel concreto sviluppo di piani di flexible benefits, identificate soprattutto nel fare ricorso a iniziative di natura informale e non riconducibili ad accordi contrattualizzati di secondo livello (42%). Altro problema sono gli aspetti normativi e fiscali, ritenuti un problema dal 33% degli intervistati che denuncia lacune nella conoscenza della materia.

Il 32% delle imprese sottolinea l’assenza di una forte collaborazione fra PMI che possa portare benefici su larga scala,  ricreando di fatto i vantaggi di cui si possono avvalere le grandi realtà. Resta comunque un 19% convinto che i piani di welfare possano effettivamente avere un impatto più forte solo nelle grandi aziende.

Come si stanno organizzando le PMI?

Certamente la Legge di Stabilità 2016 ha dato forte slancio al welfare aziendale e ha permesso una maggiore partecipazione delle PMI che difficilmente, quando molto ridotte nelle dimensioni, hanno accesso ad una contrattazione di secondo livello. Molte imprese si sono organizzate facendo ricorso a consulenze legali e fiscali, richiedendo il supporto di figure quali ad esempio i broker assicurativi per la realizzazione di piani di welfare e garantire l’accesso a piattaforme online di flexible benefits.